Cerchi una bobina in acciaio preverniciato ASTM A755?
Raccomandi prodotti

ASTM A755

ASTM A755 si riferisce alle specifiche standard per lamiere di acciaio, rivestite metalliche mediante il processo di immersione a caldo e Preverniciato dal Coil-Coating Processo per prodotti da costruzione a vista esterna.

Questa norma è emessa con la designazione fissa A755/A755M; il numero immediatamente successivo alla designazione indica l'anno di adozione originaria o, in caso di revisione, l'anno di ultima revisione. Un numero tra parentesi indica l'anno dell'ultima riapprovazione. Un epsilon in apice (´) indica una modifica editoriale rispetto all'ultima revisione o riapprovazione.

1. Ambito*

1.1 Questa specifica riguarda la lamiera d'acciaio rivestita con il processo di immersione a caldo e rivestita in bobina con film organici per prodotti da costruzione a vista per esterni. Il foglio di questa designazione è fornito in bobine, lunghezze tagliate e lunghezze tagliate sagomate. I prodotti per l'edilizia includono il cartone ondulato e vari tipi di rotoli e configurazioni a forma di freno.

1.2 Il substrato è disponibile in diversi prodotti in lamiera d'acciaio con rivestimento metallico come enumerati in 4.1, a seconda delle esigenze dell'acquirente.

1.3 I sistemi di rivestimento forniti ai sensi della presente specifica consistono in una mano di primer ricoperta da vari tipi e spessori di finiture. La combinazione di primer e top coat è classificata come sistema a film sottile a due mani o come sistema a film spesso a due mani (o più). Tipici materiali di rivestimento sono: poliestere, poliestere siliconico, acrilico, fluoropolimero, plastisol o poliuretano.

1.4 Questa specifica è applicabile agli ordini in unità pollici-libbra (come A755) o unità SI [come A755M]. I valori in unità pollici-libbra e unità SI non sono necessariamente equivalenti. All'interno del testo, le unità SI sono mostrate tra parentesi. Ciascun sistema deve essere utilizzato indipendentemente l'uno dall'altro.

1.5 A meno che l'ordine non specifichi la designazione "M" (unità SI), il prodotto deve essere fornito in unità pollici-libbra.

1.6 Il testo della presente specifica fa riferimento a note e note a piè di pagina che forniscono materiale esplicativo. Tali note e note a piè di pagina, escluse quelle in tabelle e figure, non devono essere considerate requisiti della presente specifica.

1.7 La presente norma non intende affrontare tutti gli eventuali problemi di sicurezza associati al suo utilizzo. È responsabilità dell'utente di questo standard stabilire pratiche di sicurezza e salute appropriate e determinare l'applicabilità delle limitazioni normative prima dell'uso.

2. Documenti di riferimento

2.1 Norme ASTM

Specifiche A463/A463M per lamiere di acciaio, rivestite di alluminio, mediante il processo di immersione a caldo

Specifiche A653/A653M per lamiera di acciaio, zincata (galvanizzata) o rivestita in lega di zinco-ferro (galvanizzata) mediante processo di immersione a caldo

A792/A792M Specifiche per lamiera di acciaio, 55 % lega di alluminio-zinco rivestita mediante processo di immersione a caldo

Specifiche A875/A875M per lamiera di acciaio, zincata al 5% con rivestimento in lega di alluminio mediante processo di immersione a caldo

A902 Terminologia relativa ai prodotti in acciaio con rivestimento metallico

A924/A924M Specifiche per i requisiti generali per lamiere di acciaio, rivestite di metallo mediante il processo di immersione a caldo

Specifiche A1046/A1046M per lamiera di acciaio, rivestimento in lega di zinco alluminio-magnesio mediante processo di immersione a caldo

A1063/A1063M Specifiche per lamiera di acciaio, fuso a doppio rullo, zincato (galvanizzato) mediante processo di immersione a caldo

B117 Esercitazione per l'utilizzo di un'apparecchiatura per nebbia salina

D522 Metodi di prova per la prova di piegatura del mandrino di rivestimenti organici attaccati

Metodo di prova D523 per lucentezza speculare

D659 Metodo per la valutazione del grado di sfarinamento delle pitture per esterni (ritirato nel 1990) 3

D714 Metodo di prova per la valutazione del grado di formazione di bolle delle vernici

D822 Pratica per esposizioni filtrate ad arco di carbonio a fiamma aperta di vernici e rivestimenti correlati

D870 Pratica per la prova di resistenza all'acqua di rivestimenti mediante immersione in acqua

D1005 Metodo di prova per la misurazione dello spessore del film secco di rivestimenti organici mediante micrometri

D1654 Metodo di prova per la valutazione di campioni verniciati o rivestiti soggetti ad ambienti corrosivi

D1735 Pratica per testare la resistenza all'acqua dei rivestimenti utilizzando un apparecchio per la nebbia d'acqua

D2240 Metodo di prova per la proprietà della gomma: durezza del durometro

D2244 Pratica per il calcolo delle tolleranze cromatiche e delle differenze cromatiche da coordinate cromatiche misurate strumentalmente

D2247 Pratica per testare la resistenza all'acqua dei rivestimenti al 100 % di umidità relativa

D2370 Metodo di prova per le proprietà di trazione dei rivestimenti organici

D3359 Metodi di prova per la misurazione dell'adesione mediante test su nastro

D3363 Metodo di prova per la durezza del film mediante test a matita

D4145 Metodo di prova per la flessibilità del rivestimento di fogli preverniciati

D4214 Metodi di prova per la valutazione del grado di sfarinamento di pellicole per vernici esterne

G85 Pratica per test in nebbia salina modificata

3. Terminologia

3.1 Definizioni:

3.1.1 Substrato: per le definizioni dei termini relativi al substrato, vedere la terminologia A902.

3.1.2 Rivestimenti:

3.1.2.1 acrilico, n—un polimero a base di resine preparate da una combinazione di esteri acrilici e metacrilici, acidi acrilici e metacrilici e stirene; contengono uno o più gruppi funzionali come ammide, idrossi o carbossile e formano sistemi termoindurenti in cottura reticolando con se stessi, o resine amminiche o epossidiche.

3.1.2.2 rivestimento di conversione, n—un trattamento chimico, normalmente applicato su una superficie metallica prima della finitura finale, progettato per reagire e modificare il metallo per produrre una superficie adatta alla verniciatura.

3.1.2.3 epossidici, n—polimeri a base di resine epossidiche, che sono il prodotto di reazione dell'epicloridrina e del bifenolo-A e sono reticolati con resine amminiche o urea-formaldeide per formare sistemi termoindurenti durante la cottura.

3.1.2.4 fluorocarbon, n—polimeri a base di resine fluorocarbon ottenute mediante polimerizzazione di monomero di fluoruro di vinile (PVF) o monomero di fluoruro di vinilidene (PVF2); queste resine sono formulate in rivestimenti per dispersione di particelle finemente suddivise in disperdenti e diluenti e formano sistemi termoindurenti in cottura.

3.1.2.5 plastisol, n—una dispersione di resina vinilica finemente suddivisa in plastificanti; durante il processo di cottura, le particelle di resina vengono solvatate dal plastificante e si fondono in un film continuo.

3.1.2.6 poliestere, n—un polimero a base di prodotti di condensazione di acidi polibasici e dioli (alcoli diidrici), detti anche olio-alchidi; sono modificati dalla reazione di addizione di monomeri come stirene o esteri acrilici; le resine poliestere sono reticolate con resine amminiche per formare sistemi termoindurenti in cottura.

3.1.2.7 poliuretano, n—un polimero prodotto dalla reazione di addizione di un poliolo acrilico o poliolo poliestere con un composto contenente isocianato per produrre sistemi termoindurenti durante la cottura.

3.1.2.8 primer, n—il primo strato completo di vernice di un sistema di rivestimento applicato su una superficie non rivestita; il tipo di primer varia a seconda del tipo di superficie e delle sue condizioni, della destinazione d'uso e del sistema di rivestimento utilizzato.

3.1.2.9 poliestere siliconico, n—un polimero che è il prodotto di reazione tra un intermedio organosilossanico e una resina alchidica, o una miscela a freddo di una resina siliconica e un compatibile
resina alchidica; queste resine sono reticolate con resine amminiche per formare sistemi termoindurenti in cottura.

3.1.3 Caratteristiche del rivestimento:

3.1.3.1 sfarinamento, v—la formazione su un rivestimento pigmentato di una polvere friabile evoluta dalla pellicola stessa in corrispondenza o appena sotto la superficie.

3.1.3.2 dissolvenza, v—una perdita di intensità del colore sperimentata dai rivestimenti organici pigmentati nel tempo, generalmente dovuta all'effetto delle radiazioni ultraviolette.

3.1.3.3 lucentezza, n—la lucentezza, la lucentezza o la capacità riflettente di una superficie.

3.2 Definizioni dei termini specifici del presente Standard:

3.2.1 lato inferiore, n—il lato del foglio preverniciato opposto al lato esposto agli agenti atmosferici.

3.2.2 rivestimento della bobina, v—un processo continuo mediante il quale la vernice e altri rivestimenti vengono applicati e cotti su una striscia mobile di lamiera d'acciaio.

3.2.2.1 Discussione—I rulli vengono utilizzati per raccogliere, dosare e depositare il rivestimento liquido sulla striscia mobile e sono anche usati per sostenere la striscia attraverso la linea. Il prodotto di questo processo è chiamato lamiera di acciaio preverniciata.

3.2.3 mil, n: un'unità di lunghezza pari a 0.001 pollici [25.4 µm], utilizzata per descrivere lo spessore dei rivestimenti di vernice.
3.2.4 vernice, n— di rivestimento della bobina, un liquido organico, pigmentato/non pigmentato, che viene convertito in una pellicola solida mediante cottura.

3.2.5 rullo formatore, n—un apparato che forma una striscia continua di metallo in varie forme da una serie di rulli di acciaio sagomati.

3.2.6 lato superiore, n—il lato del foglio preverniciato esposto agli agenti atmosferici.

3.2.7 washcoat, n—un sottile rivestimento organico, solitamente un poliestere, applicato sul retro o sul lato non esposto del foglio preverniciato (noto anche come backercoat).

3.2.7.1 Discussione—Questo rivestimento pigmentato/non pigmentato viene applicato per motivi quali la protezione del rivestimento di finitura mentre è in forma di bobina, l'aspetto interno e la lubrificazione durante la formatura a rulli.

4. Classificazione

4.1 Il supporto deve essere conforme a tutti i requisiti della specifica appropriata per il prodotto in lamiera d'acciaio ordinato come segue:

4.1.1 Zincato (zincato)—Specifiche A653/A653M e A1063/A1063M.

4.1.2 Rivestito in lega di alluminio al 5% di zinco—Specifica A875/A875M.

4.1.3 Rivestito in lega di alluminio-zinco al 55%—Specifica A792/A792M.

4.1.4 Rivestito in alluminio—Specifica A463/A463M.

4.1.5 Specifiche con rivestimento in lega di zinco-alluminio-magnesio A1046/A1046M.

4.1.6 Ciascuna delle specifiche delle lastre con rivestimento metallico sopra elencate descrive la gamma di designazioni di rivestimento disponibili. La particolare designazione selezionata è correlata alle prestazioni attese del prodotto da costruzione esterno a vista. Sebbene vi siano eccezioni basate sul tipo di ambiente in cui è eretto l'edificio, le designazioni della massa minima del rivestimento consigliate per l'uso in applicazioni di edifici a vista esterna sono:

Rivestimento metallicoMinimo consigliato
Rivestimento
A653/A653M zincato (zincato)G90 [Z275]
A875/A875M Zinco-5% con rivestimento in lega di alluminioGF75 [ZGF225]
A792/A792M Rivestito in lega di alluminio-zinco al 55%. AZ50 [AZM150]
A463/A463M Rivestito in alluminioT2 65 [T2 200]
A1046/A1046M Zinco-Alluminio-Magnesio
Rivestita
ZM75 [ZMM220]
A1063/A1063M zincato (zincato) G90 [Z275]

Queste designazioni di peso minimo del rivestimento [massa] sono importanti per ottenere la durata del prodotto a lungo termine normalmente prevista nell'applicazione. Eccezioni a queste designazioni minime possono essere prese in considerazione quando le condizioni ambientali sono di basso potenziale corrosivo, come un clima molto secco. In questi casi, può essere appropriato un peso del rivestimento [massa] inferiore, ad esempio G60 [Z180]. Allo stesso modo, per ambienti molto corrosivi, l'utente dovrebbe considerare di specificare una designazione di rivestimento con un peso del rivestimento più pesante [massa].

4.2 Il rivestimento organico consiste tipicamente in un primer e una finitura sul lato superiore (esposto) e washcoat sul lato inferiore (non esposto). I primer e le finiture tipiche sono i seguenti:

4.2.1 Primer:

4.2.1.1 Resina epossidica.

4.2.1.2 Acrilico.

4.2.1.3 Poliuretano.

Poliestere 4.2.1.4

4.2.2 Top Coat:

4.2.2.1 Poliestere.

4.2.2.2 Poliestere siliconico.

4.2.2.3 Acrilico.

4.2.2.4 Fluoropolimero.

4.2.2.5 Plastisolo.

4.2.2.6 Poliuretano.

4.2.3 Washcoat o Backercoat:

4.2.3.1 Poliestere.

4.2.3.2 Acrilico.

4.3 Altri rivestimenti saranno specificati se concordati tra il produttore e l'acquirente.

5. Informazioni per l'ordinazione

5.1 La lastra piana rivestita oggetto della presente specifica è prodotta su file continue solo a spessore decimale. Lo spessore della lamiera comprende l'acciaio di base e il rivestimento metallico. Lo spessore del sistema organico è in aggiunta al supporto (acciaio di base e rivestimento metallico).

5.2 Gli ordini di materiale ai sensi della presente specifica devono includere le seguenti informazioni, a seconda dei casi, per descrivere adeguatamente il prodotto richiesto:

5.2.1 Nome del prodotto (lamiera di acciaio preverniciata),

5.2.2 Designazione ASTM e anno di emissione, come A755 – per unità pollici-libbra o A755M – per unità SI,

5.2.3 Numero di specifica ASTM del substrato con rivestimento metallico, designazione della lamiera di acciaio e, se applicabile, tipo (e grado, se richiesto),

5.2.4 Tipo di rivestimento metallico (vedi 4.1),

5.2.5 Designazione del peso [massa] del rivestimento metallico,

5.2.6 Finitura del rivestimento metallico (come lustrino regolare, minimizzato, extra liscio o minimizzato lustrino-extra liscio).

5.2.7 Designazione del sistema di rivestimento organico (vedere 4.2 o 4.3),

5.2.8 Spessore del film organico secco lato superiore e lato inferiore (il lato superiore sarà costituito da un primer e una finitura e il lato inferiore sarà costituito da un primer e un washcoat, o lo stesso rivestimento della parte superiore) (vedere 7.4.2) ,

5.2.9 Protezione richiesta (rivestimento cerato o spellicolato),

5.2.10 Dimensioni (spessore, larghezza, piana o sagomata (totale o di copertura) e lunghezza (se tagliata)) e, se applicabile, tipo di configurazione sagomata,

5.2.11 Requisito della dimensione della bobina: diametro esterno massimo, diametro interno accettabile e peso massimo [massa],

5.2.12 Requisito della lunghezza di taglio: peso massimo di sollevamento [massa],

5.2.13 Requisiti speciali, se presenti, e

5.2.13.1 Quando l'acquirente richiede tolleranze di spessore per 3 ⁄ 8 -in. [10 mm] di distanza dal bordo (vedere la sezione Requisiti supplementari nella specifica A924/A924M), questo requisito deve essere specificato nell'ordine del contratto.

5.2.14 Applicazione (identificazione e descrizione del pezzo).

6. Requisiti del substrato

6.1 Ai fini della presente specifica, il substrato si riferisce alla lamiera di acciaio e al rivestimento metallico. I requisiti specifici del supporto sono contenuti nelle specifiche elencate al punto 4.1.

7. Requisiti del rivestimento organico

7.1 L'applicazione di rivestimenti organici su una linea di rivestimento in bobina continua, quando si producono prodotti conformi ai requisiti di questa specifica, prevede tre fasi principali. Questi sono: l'applicazione di un rivestimento di conversione, l'applicazione di un primer e l'applicazione di uno o più smalti.

7.2 Rivestimento di conversione—Un rivestimento di conversione è un trattamento chimico applicato al metallo prima dell'applicazione del primer. È progettato per reagire e modificare la superficie del metallo per consentire il legame chimico tra il metallo e il primer, ottimizzando così l'adesione e la resistenza alla corrosione.

7.3 Primer:

7.3.1 Lo scopo del primer è fungere da legame tra il supporto e il rivestimento di finitura e offrire una protezione aggiuntiva contro la corrosione per l'intero sistema. Per i prodotti da costruzione, lo spessore del primer è tipicamente 0.2 mil [0.005 mm] (tolleranza 60.05 mil [0.001 mm]). Sono disponibili primer con film dello spessore di 3 mil [0.075 mm] (tolleranza 60.30 mil [0.008 mm]) per usi finali che richiedono prestazioni elevate.

7.3.2 Aprimer deve essere compatibile sia con la vernice di conversione che con la finitura per garantire le proprietà ottimali del sistema di verniciatura. È necessario prestare attenzione nella scelta del primer per ottenere le migliori prestazioni possibili per l'ambiente di servizio. Per questi motivi il primer viene specificato dal fornitore del rivestimento o dal produttore di lastre preverniciate.

7.3.3 Vedere 4.2.1 per esempi di primer tipici.

7.4 Finitura:

7.4.1 La finitura fornisce colore e durata e funge anche da protezione contro la corrosione atmosferica. Vengono selezionati diversi smalti in base alle prestazioni o ai requisiti di aspetto desiderati. Per i prodotti da costruzione, lo spessore del rivestimento di finitura è nominalmente 0.8 mil [0.020 mm] (tolleranza 60.2 mil [0.005 mm]). Devono essere specificate finiture ad alte prestazioni con film dello spessore di 12 mil [0.30 mm] (tolleranza 61.2 mil [0.03 mm]). Altri sistemi aggiornati specificheranno l'applicazione di due o più strati di finiture.

7.4.2 La finitura viene applicata sul lato superiore (esposto) della lastra e la mano di lavaggio o il backercoat viene applicato sulla parte inferiore (non esposta) della lastra. Previo accordo tra il produttore e l'acquirente, il lato inferiore sarà rivestito come il lato superiore.

7.4.3 Vedere 4.2.2 per esempi di finiture tipiche.

7.4.4 La scelta di una finitura dipende dai parametri prestazionali richiesti come sfarinamento e sbiadimento, oltre alla resistenza alla corrosione necessaria, che deve tenere conto della severità dell'ambiente di servizio.

7.5 Washcoat o Backercoat:

7.5.1 Il washcoat o backercoat viene applicato sul lato inferiore (non esposto) del foglio ed è pigmentato o meno. Il suo scopo è fornire protezione contro i danni al rivestimento del lato superiore durante la spedizione e lo stoccaggio e anche fornire una durata aggiuntiva al lato non esposto durante la vita utile del prodotto. Per i prodotti da costruzione, lo spessore del washcoat è tipicamente 0.3 mil [0.008 mm] (tolleranza 60.05 mil [0.001 mm]).

7.5.2 Vedere 4.2.3 per esempi di tipici washcoat.

7.6 Requisiti di prova—Le proprietà del substrato e del sistema di rivestimento organico, combinate con il metodo di formatura, determinano l'aspettativa di vita e l'aspetto generale del prodotto finale. Ciascun ciclo di rivestimento ha qualità diverse per quanto riguarda brillantezza, flessibilità, sbiadimento, sfarinamento, resistenza alla fessurazione in curva, resistenza all'abrasione, ritenzione dello sporco e resistenza alle variazioni delle condizioni atmosferiche. Tutti questi fattori devono essere considerati in qualsiasi applicazione finale. I metodi di prova utilizzati per misurare alcuni di questi parametri sono elencati nell'allegato A1 e sono normalmente considerati requisiti obbligatori. I metodi di prova elencati nell'appendice X1 vengono utilizzati per misurare altri parametri, ma sono generalmente considerati requisiti non obbligatori. I requisiti specifici per ciascun sistema devono essere concordati tra il produttore e l'acquirente.

8. Imballaggio, marcatura e caricamento

8.1 Vedere la specifica A924/A924M. Inoltre, le bobine verranno spedite in verticale per ridurre al minimo l'abrasione durante il trasporto. I pannelli laminati richiedono un imballaggio speciale. L'acciaio rivestito in bobina è un materiale finito e deve essere trattato come tale durante la manipolazione e lo stoccaggio.

8.2 È stato riscontrato che un corretto stoccaggio in loco dei pannelli da costruzione prima del montaggio è importante per mantenere l'integrità del sistema di rivestimento. Il fallimento della corrosione si verificherà quando i pannelli dell'edificio non sono adeguatamente protetti dall'acqua che rimane intrappolata durante lo stoccaggio prima dell'installazione. I pallet devono essere posizionati sollevati da terra e leggermente inclinati per un drenaggio efficace. Inoltre, l'uso di coperture metalliche o equivalenti è un modo efficace per mantenere asciutti i pallet. Non utilizzare sacchetti di plastica per proteggere le bobine o i pallet.

9. Parole chiave

9.1 rivestimenti, non metallici; rivestimenti, verniciati; processo di rivestimento a spirale; lamiera verniciata; materiali per coperture; materiali per rivestimenti; foglio d'acciaio

5/5 - (3 voti)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Ultimi Post

Post correlati

EN 10130

Le specifiche e le condizioni tecniche relative alla consegna per i prodotti piani in acciaio a basso tenore di carbonio che sono stati laminati a freddo sono descritte nella EN 10130 come approvato da

Continua a leggere...

ASTM A1008

Se stai cercando un materiale in acciaio resistente, ASTM A1008 è acciaio al carbonio di qualità standard. Viene utilizzato in varie applicazioni edili, anche nell'industria aerospaziale. Che cosa

Continua a leggere...

EN 10025

Le specifiche per la produzione di prodotti in acciaio sono stabilite in una norma EN sull'acciaio. In generale, le norme EN devono essere seguite se si opera in

Continua a leggere...